In Vaticano, la ricerca di Miracle Cure Cancer – The New Yorker, la medicina per curare la varicella.

In Vaticano, la ricerca di Miracle Cure Cancer - The New Yorker, la medicina per curare la varicella.

Il Vaticano potrebbe sembrare un luogo improbabile per una conferenza medica, ma in questo caso era adatta. Il filo che collega il cattolicesimo probabile con immunoterapia corre tutta la strada fino al 22 febbraio 1952, quando una casalinga ventinove anni a Baltimora si accorse che il suo quattro-anno-vecchia figlia, Ann O’Neill, era pallido e febbrile , il collo screziato di blu. Solo pochi giorni dopo, i medici Agnes Hospital di St. avevano diagnosticato la ragazza con la leucemia linfatica acuta. un tipo di cancro che impedisce la normale produzione bianco globuli. Diversi mesi più tardi, dopo una breve remissione parziale, Ann è stato posto in una tenda a ossigeno e dato non più di un giorno per vivere. Come sua madre ha detto a un giornalista nel 1963, la ragazza “aveva perso ogni spirito: era quasi come se la vita fosse andato e solo alcuni riflessi sono stati lasciati.”

Era possibile che, attaccando il virus, il sistema immunitario di Ann aveva ucciso la leucemia, troppo? Questo tipo di fenomeno era stato riconosciuto da almeno alla fine del XIX secolo, quando William Coley, un chirurgo a New York, ha scoperto che un sarcoma in rapida crescita era scomparso dal collo di un immigrato tedesco, dopo aver contratto una grave infezione della pelle. Negli anni successivi, Coley ha tentato di trattare molti altri malati di cancro con un intruglio batteri-riempita che divenne noto come le tossine di Coley. Ma né lui né i suoi successori mai avuto molto successo, e per gran parte del XX secolo immunoterapia è rimasto ai margini della ricerca-cancro, che è forse il motivo per cui l’avvocato del diavolo ha escluso la cura varicella. Negli ultimi cinque anni, però, il campo ha ancora una volta assunto un’aura di promessa. Il mese scorso, Sean Parker, il miliardario co-fondatore di Napster ed ex presidente di Facebook, ha annunciato che stava lanciando il suo Istituto per lo studio di immunoterapia. Jeffrey Bluestone, C.E.O. dell’istituto mi ha detto a Roma che si tratta di un “tempo incredibile” per la ricerca sul cancro.

Related posts

Related posts